Rimedi naturali e cure per l’acne

Acne, 5 rimedi naturali di provata efficacia

Le più recenti ricerche scientifiche che dimostrano l’efficacia di alcuni preparati nella cura dell’acne, con pochi o nulli effetti collaterali

Rimedi naturali per l'acne (© vladimirfloyd | Adobe Stock)

Rimedi naturali per l'acne (© vladimirfloyd | Adobe Stock)

È un disturbo abbastanza frequente che riguarda entrambi i sessi. Secondo recenti stime, l’acne colpisce maggiormente i maschi nel periodo adolescenziale, ma con l’avanzare dell’età sarebbero le donne a soffrirne in maggior misura. Di contro, per motivi ormonali, il disturbo compare prima nelle ragazzine, intorno agli 11 anni di età, mentre i maschietti la sviluppano leggermente più tardi: intorno ai 13 anni. Qualunque sia la causa scatenante o l’età, sono molti i rimedi naturali che possono aiutare a risolvere il problema.

Per ridurre l’acne, cura l’intestino
Secondo recenti ricerche [1] alla base della comparsa dell’acne potrebbe esserci un problema di disbiosi intestinale – in particolare quando si tratta di acne rosacea. A tal proposito, possono essere d’aiuto dei fermenti lattici in grado di riequilibrare la flora batterica intestinale. I probiotici, secondo il dottor Whitney P. Bowe dell’Icahn School of Medicine a Mount Sinai (New York), sono in grado di creare una barriera a livello intestinale in grado di impedire l’infiammazione che può scatenare vari tipi di acne, tra cui anche la rosacea. Un’altra ricerca [2] è riuscita a dimostrare come alcuni batteri tipici di latti fermentati (Streptococcus thermophilus) se applicati per vita topica attraverso una crema sono in grado di ridurre l’acne già dopo una settimana di applicazione.

La medicina ayurvedica per combattere l’acne
Per la medicina ayurvedica l’acne è un disturbo causato da un aggravamento del dosha pitta. Questo è contraddistinto da un eccesso di calore, per certi versi assimilabile alla condizione che noi chiamiamo infiammazione. Per ridurre l’acne è perciò necessario seguire uno stile alimentare che non aggravi l’eccesso di calore nel corpo. È importante ridurre i cibi acidi, grassi, salati, i fritti, gli alcolici e quelli contenenti caffeina. Via libera invece a yogurt e kefir che, oltre a rinfrescare il corpo, forniscono un’ottima quantità di probiotici che riducono l’infiammazione intestinale. Tra la frutta più adatta alla condizione pitta c’è sicuramente il cocco fresco che è uno dei migliori rimedi rinfrescanti che esistono. A livello topico, invece, può essere applicata della pasta di bakuchi (Psoralea Corylifolia) e Neem. Inoltre, tutte le mattine, dopo un’accurata detersione del viso, andrebbe applicato sulla pelle del latte di cocco. Un rimedio ayurvedico confermato da ricerche scientifiche [11] è la Terminalia Arjuna. Il suo estratto della corteccia contiene frazioni di flavonoidi e tannini che si sono dimostrai efficaci nei confronti dei batteri P. acnes e S. epidermidis.

Olio essenziale di tea tree per il trattamento dell’acne
Uno dei rimedi naturali più conosciuti per la cura dell’acne è l’olio essenziale di tea tree. Nonostante ciò va detto che sono necessarie ulteriori ricerche che possano confermare tale tesi [4,5]. È tuttavia indubbio che l’olio essenziale dell’albero del tè possiede un effetto antibatterico e antinfiammatorio nei confronti dell’acne. Uno studio [6] ha voluto valutare l’efficacia di una crema a base di benzoylperoxide (5%) con il tea tree oil. Dai risultati è emerso che in entrambi i casi si è assistito a un netto miglioramento della condizione e con minori effetti collaterali nel caso del rimedio naturale. Però, in quest’ultimo caso, i risultati sono stati più lenti ad arrivare. Infine, uno studio del 2007, ritiene che il trattamento topico a base di un prodotto al 5% di tea tree oil possa essere ritenuto un trattamento efficace in caso di acne lieve e moderata.

Il tè che combatte l’acne
Alcuni studi si sono focalizzati sull’efficacia della Camelia Sinensis – popolarmente conosciuta come tè – nei confronti dei germi patogeni che causano l’acne (H. pylori, P. acnes e S. aureus). Effetti simili sono stati ottenuti con la calendula officinalis e la liquerizia [8, 9, 10]. Mentre il tè bianco in associazione con l’amamelide ha dimostrato di proteggere i fibroblasti dai danni indotti dal perossido di idrogeno. A tale scopo, oltre alle creme a base di camelia e altri vegetali, può essere adoperato un semplice infuso raffreddato da applicare localmente a mo’ di tonico, tre o quattro volte al giorno.

Eucalipto e timo, uso confermato dalle più recenti ricerche scientifiche
Altri due rimedi confermati da ricerche scientifiche sono l’eucalipto e il timo. Durante uno studio [14] sono state testati degli estratti in metanolo di diverse varietà di eucalipto (E. globulusE. maculata, E. viminalis) dai quali è stata evidenziata una potente attività antiacne. Ultimo, ma non ultimo, è il Thymus quinquecostatus sotto forma di olio essenziale. Una recente ricerca afferma che il prodotto possiede un notevole effetto antibatterico, antiossidante e antinfiammatorio contro i batteri che causano l’acne. Simili risultati sono stati ottenuti con l’olio essenziale di rosmarino [14], anche a basse dosi, che pare danneggiare gravemente gli organismi batterici.

[1] Gut Pathog. 2011; 3: 1. Published online 2011 Jan 31. doi:  10.1186/1757-4749-3-1 PMCID: PMC3038963 Acne vulgaris, probiotics and the gut-brain-skin axis - back to the future? Whitney P Bowecorresponding author1 and Alan C Logancorresponding

[2] Di Marzio L, Cinque B, De Simone C, Cifone MG Effect of the lactic acid bacterium Streptococcus thermophilus on ceramide levels in human keratinocytes in vitro and stratum corneum in vivo. J Invest Dermatol. 1999; 113 :98–106.

[3] Klin Med (Mosk). 2001;79(6):39-41. [Impact of the impaired intestinal microflora on the course of acne vulgaris]. Volkova LA, Khalif IL, Kabanova IN.

[4] Int J Antimicrob Agents. 2015 Feb;45(2):106-10. doi: 10.1016/j.ijantimicag.2014.10.011. Epub 2014 Nov 13. Treatment of acne with tea tree oil (melaleuca) products: a review of efficacy, tolerability and potential modes of action. Hammer KA1.

[5] Clin Microbiol Rev. 2006 Jan; 19(1): 50–62. doi:  10.1128/CMR.19.1.50-62.2006 PMCID: PMC1360273 Melaleuca alternifolia (Tea Tree) Oil: a Review of Antimicrobial and Other Medicinal Properties C. F. Carson,1 K. A. Hammer,1 and T. V. Riley1,2,*

[6] Med J Aust. 1990 Oct 15;153(8):455-8. A comparative study of tea-tree oil versus benzoylperoxide in the treatment of acne. Bassett IB1, Pannowitz DL, Barnetson RS.

[7] Indian J Dermatol Venereol Leprol. 2007 Jan-Feb;73(1):22-5. The efficacy of 5% topical tea tree oil gel in mild to moderate acne vulgaris: a randomized, double-blind placebo-controlled study. Enshaieh S1, Jooya A, Siadat AH, Iraji F.

[8] Lee J, Shim JS, Chung M, S Lim, Kim KH In vitro anti-adhesive activity of green tea extract against pathogen adhesion. Phytotherapy Research . 2009; 23 (4):460–466. [ PubMed ]

[9] Mahmood T, Akhtar N, Khan BA, Khan HMS, Saeed T. Outcomes of 3% green tea emulsion on skin sebum production in male volunteers. Bosnian Journal of Basic Medical Sciences. 2010;10(3):260–264.[PubMed]

[10] Nand P, S Drabu, Gupta RK Phytochemical and antimicrobial screening of medicinal plants for the treatment of acne. Indian Journal of Natural Products and Resources . 2012; 3 (1):28–32

[11] Vijayalakshmi A, Tripura A, Ravichandiran V. Development and evaluation of anti-acne products from Terminalia arjuna Bark. International Journal of PharmTech Research. 2011;3(1):320–327.

[12] Yarnell E, Abascal K. Herbal medicine for acne vulgaris. Alternative and Complementary Therapies. 2006;12(6):303–309.

[13] Fu Y, Zu Y, Chen L, et al  Investigation of antibacterial activity of rosemary essential oil against Propionibacterium acnes with atomic force microscopy. Planta Medica . 2007; 73 (12):1275–1280. [ PubMed ]

[14] Oh TH, Kim SS, Yoon WJ, et al Chemical composition and biological activities of Jeju Thymus quinquecostatus essential oils against Propionibacterium species inducing acne. The Journal of General and Applied Microbiology . 2009; 55 (1):63–68. [ PubMed ]