19 febbraio 2017
Aggiornato 21:30
2016 un anno di bufale

Dal glutine al pericolo OGM: tutte le abitudini sane (e sbagliate) a cui dobbiamo rinunciare nel 2017

Nuovo anno, nuove scoperte. Tutte le vecchie credenze (in fatto di salute) che dobbiamo lasciare alle nostre spalle perché prive di fondamento scientifico

Le vecchie credenze a abitudini che non dobbiamo portare nel 2017 (© Shutterstock.com)

C’è chi mostra un totale disinteresse per le abitudini sane; chi invece ne fa un vero e proprio stile di vita. Ma il paradosso in tutta questa vicenda è che ci sono delle credenze così radicate nella nostra vita in fatto di salute che sono molto difficili da estirpare. Eppure, la scienza le ha clamorosamente smentite, a tal punto che si potrebbe rimanere sbalorditi da quanto emerge dalle ultime indagini.

Se mangi poco glutine stai meglio
Questa è in pole position per le assurdità più grandi a cui abbiamo creduto nel 2016. Se non si è celiaci, il glutine non causa alcun problema, tanto più di gonfiore intestinale. Secondo recenti dati scientifici il fatto che si avverta un miglioramento eliminando il glutine è solo suggestione. Prova ne è che durante uno studio chi credeva di mangiare senza glutine (ma in realtà lo stava mangiando) ha comunque mostrato miglioramenti.

Se siete un bagno pubblico, usate i copri WC igienici: ma servono davvero?
In realtà la difesa migliore che abbiamo a disposizione è la nostra pelle: una vera e propria barriera naturale contro i microorganismi. Quindi, a meno che non abbiamo la pelle lacerata è pressoché inutile utilizzare un copri WC. Specie se si prende in considerazione che i virus come l’HIV e l’herpes hanno una vita molto limitata se si trovano fuori dal corpo. L’unica parte del nostro corpo estremamente vulnerabile sono le mucose, ma se abbiamo bisogno di andare in bagno difficilmente riusciremo a coprirle con qualcosa (!).

Se vivi in città puoi anche continuare a fumare. Non è proprio così!
E’ vero che anche l’inquinamento è cancerogeno, ma non allo stesso modo. Lo smog, secondo le più recenti stime, è colpevole di causare formazioni tumorali per circa l’8 percento. Ma quando si parla di fumo, i valori superano il 70 percento. Le percentuali, quindi, sono decisamente differenti. Pertanto, anche se si vive in una città inquinata è fondamentale smettere di fumare.

Lavoro da ufficio, meglio in piedi?
Assolutamente no. Non solo non esiste alcuna prova di miglioramento dello stato di salute adottando questo stratagemma, ma se ci si pensa bene la circolazione sanguigna deve contrastare l’effetto della gravità, con il risultato di fare il doppio dello sforzo e aumentare il rischio di gambe gonfie. Quindi, se proprio dobbiamo stare fermi, a quel punto è meglio star seduti. Ma, sia chiaro, con la raccomandazione di muoverci il più possibile non appena terminato il lavoro.

Se riduci i cibi ricchi di grassi vivi meglio e in salute
Uno studio che ha coinvolto 50mila donne non ha mostrato che vi fosse alcun miglioramento con una dieta a ridotto contenuto di grassi. I casi di cancro al seno, al colon e malattie cardiache non sono minimamente diminuiti, esattamente come il proprio peso corporeo. Quindi è inutile rinunciare a del buon cibo e fare tanti sacrifici. Quello che è consigliabile è aggiungere la maggior quantità possibile di grassi ‘buoni’, come gli omega-3.

I vaccini sono pericolosi? Tutte bufale
E’ ora di smetterla con le false teorie che circolano su Internet. I vaccini non sono pericolosi. O, per meglio dire, hanno un minimo di rischio per il semplice fatto che sono farmaci, ma a volte sono molto più sicuri delle medicine di uso quotidiano. Secondo Andrea Grignolio, storico della medicina, il vaccino può comportare un rischio di reazione grave di un caso su uno o due milioni. Mentre farmaci come l’aspirina sono migliaia di volte più pericolosi. Ciò consente di affermare che i vaccini sono tra i farmaci catalogati con il miglior rischio/beneficio in assoluto.

Calcolare l’indice di massa corporea serve a qualcosa?
Sembra incredibile che con i passi avanti che ha fatto la scienza, adottiamo ancora un metodo – quello del BMI – nato nel 1830. Ma ha davvero molti limiti: prima di tutto non tiene presente la costituzione individuale; non considera la circonferenza della vita e neppure la reale quantità di grasso corporeo. Tutti sappiamo che ci sono persone che hanno un’ossatura decisamente più grossa e pesante di altre. Infine, non fornisce nessun riferimento al rischio di malattie metaboliche.

Una dieta sana quella di succhi di frutta e verdura?
Se si sostituisce un pasto con una spremuta di succhi di frutta e verdura non fa bene alla salute. Eliminando le fibre, gli zuccheri vengono assimilati più velocemente con tutti i picchi glicemici del caso. Inoltre, riducendo il consumo di proteine e avere più fame significa avere sbalzi di umore continuo. Senza considerare che a lungo termine la nostra pelle sarà sempre più avvizzita – e appariremo più vecchi – a causa del basso contenuto proteico.

L’omeopatia funziona?
Secondo quanto asserisce la quasi totalità di ricerche scientifiche in cui non vi è un conflitto di interessi, l’omeopatia non funzionerebbe. Inoltre, recentemente è stato dichiarato anche dalla Federal Trade Commission (FTC) che ha richiesto che ogni prodotto mostri la conferma scientifica della sua efficacia. E’ tuttavia bene specificare la FTC si occupa di commercio e non di medicina. In ogni caso, per capire se quanto vorreste utilizzare sia valido, è fondamentale leggere sempre il testo integrale di uno studio e assicurarsi che la ricerca non sia stata finanziata da un qualche produttore. Ciò che invece ammettono gli scienziati è che sulle persone sfrutta un ottimo effetto placebo.

Gli OGM sono pericolosi?
Secondo quanto riportato dalla National Academy of Sciences che ha stilato un rapporto di oltre quattrocento pagine, non c’è nessuna relazione tra il rischio di obesità, cancro, malattie cardiache o intestinale assumendo prodotti OGM.

Fonte: IFL Science