24 aprile 2017
Aggiornato 23:00
I consigli degli esperti

Shock anafilattico nei bambini, attenzione ai campanelli d'allarme

Roberto Bernardini, Presidente della SIAIP: «Occorre tenere alta l'asticella sulla inutilità di alcuni test per le allergie, poiché privi di qualunque validità scientifica, e che provocano diagnosi errate e quindi un numero esponenziale di finti allergici, tutto questo a discapito di loro stessi»

ROMA - Anche oggi morire per allergia si può, come dimostrano i recenti e tragici fatti di cronaca. In pochi minuti una puntura d'insetto piuttosto che un cibo «vietato» o un farmaco possono mettere a rischio la vita. «Nei bambini - dichiara Roberto Bernardini, Presidente della Società Italiana di Allergologia e Immunologia pediatrica (SIAIP) - la causa di anafillassi è riconducibile per oltre la metà dei casi ad allergia alimentare. Occorre prestare molta attenzione ai campanelli d'allarme dello shock riconducibili nella maggior parte dei casi alla comparsa di orticaria angioedema associata a sintomi respiratori o cardiovascolari oppure alla comparsa di sintomi in due o più distretti come quello cutaneo, respiratorio, cardiovascolare e gastrointestinale o ancora dalla comparsa di ipotensione. In tali casi occorre iniettare il prima possibile adrenalina per via intramuscolo, poiché lo shock evolve rapidamente e il più delle volte dei casi non si arriva neanche in tempo al pronto soccorso».

Allergologi pediatri: no ai test inutili
Ma non solo: «Occorre tenere alta l'asticella sulla inutilità di alcuni test per le allergie - avverte l'esperto -, poiché privi di qualunque validità scientifica, e che provocano diagnosi errate e quindi un numero esponenziale di finti allergici, tutto questo a discapito di loro stessi (in quanto sottoposti a diete inutili con conseguenze alterazioni nutrizionali, terapie mediche inutili con spreco di denari pubblici con anche comparsa di effetti collaterali dovuti a farmaci usati impropriamente, peggioramento della qualità di vita dei bambini e delle loro famiglie) e a discapito di chi allergico lo è davvero e in modo anche grave».

Il consiglio? Rivolgersi a centri e pediatri specialisti nel settore
Le allergie sono un problema alquanto diffuso - la rinocongiuntivite allergica è presente nel 6,6% nei bambini di 6-7 anni di età e del 17,4% nei bambini di 13-14 anni di età; l'asma bronchiale è presente nell'8,4% nei bambini di 6-7 anni di età e del 9,5% negli adolescenti di 13-14 anni di età; l'allergia alimentare nel 6% dei bambini - che, sottolinea Bernardini, «non va affatto sottovalutato e sottostimato, se ancora oggi per allergia si continua a morire. Occorrerebbe - evidenzia - sviluppare una maggiore cultura e consapevolezza nella popolazione sul problema delle allergie anche attraverso campagne di comunicazione dedicate con le Istituzioni. Per questo - conclude Bernardini - consiglio sempre alle mamme di rivolgersi in caso di sospetta allergia del loro bambino a centri e pediatri specialisti nel settore ed altamente qualificati che confermeranno o meno tale sospetto prescrivendo poi la corretta terapia farmacologica e la corretta dieta con un monitoraggio accurato del quadro allergico».