23 marzo 2017
Aggiornato 15:00
Sanità

Al via oggi 7 novembre la vaccinazione antinfluenzale. Parte la Campagna in tutta Italia. Ecco come vaccinarsi gratis

Parte il 7 novembre la Campagna di vaccinazione antinfluenzale. Iniziative in tutte le regioni d’Italia. Il Piemonte mira ad aumentare la copertura per ultra 64enni e per i soggetti a rischio. Ecco come vaccinarsi gratis

Influenza, parte il 7 novembre la Campagna vacinale (© Dirima | shutterstock.com)

TORINO – Parte oggi, 7 novembre 2016, la Campagna vaccinale antinfluenzale. Milioni di dosi di vaccino saranno distribuite a medici, pediatri e farmacie. L’obiettivo è quello di arrivare a una copertura vaccinale di almeno il 75% dei soggetti a rischio. La Regione Piemonte mira soprattutto ad aumentare la copertura nelle persone oltre i 64 anni.

Gratis per molti
Come previsto dalla normativa, potranno vaccinarsi gratis tutte le persone in condizioni di maggiore rischio. Tra questi gli anziani oltre i 65 anni, e tutti gli altri di età compresa tra i 6 mesi e i 64 anni, che tuttavia soffrono di malattie croniche e che, in caso di influenza, possono essere soggette a gravi complicazioni. In questo caso basta rivolgersi al proprio medico curante o ai servizi vaccinali della propria ASL. Altri soggetti che potranno ricevere gratuitamente il vaccino antinfluenzale sono le donne che si troveranno nel secondo e terzo trimestre di gravidanza durante la stagione epidemica, gli addetti ai servizi pubblici di primario interesse collettivo e, infine, il personale di assistenza o i familiari di persone ad alto rischio.

Coinvolti anche i farmacisti
A seguito di un accordo siglato il 19 agosto dalla Regione Piemonte con Federfarma e Assofarm, nella Campagna vaccinale sono coinvolti anche i farmacisti. Questi dovranno «consegnare ai medici e ai pediatri i vaccini che l’ASL di appartenenza del medico ha deciso di utilizzare e, soprattutto, di sensibilizzare i pazienti che accedono in farmacia sull’importanza della vaccinazione», si legge nel comunicato della Regione Piemonte.

Prevenire
Come sempre l’obiettivo della vaccinazione prevenire. Anche l’influenza, che può a molti sembrare una banale malattia, in realtà può essere più pericolosa di quanto appaia. La malattia respiratoria acuta, anche se spesso passa da sé dopo circa una settimana, può essere fonte di complicanze che mettono a rischio anche la vita. Per questo motivo è oggi ritenuta un’infezione causa di possibili e serie ripercussioni sulla sanità e sulla società, dato l’alto grado di diffusione dei virus. L’influenza non solo ha un peso sull’assistenza sanitaria (Pronto Soccorso e ospedali), ma anche sul lavoro – di cui provoca numerose assenza, con un costo piuttosto rilevante. Nei giorni in cui vi è l’influenza in giro è importante evitare i luoghi troppo affollati e chiusi, lavarsi bene le mani e se si è già stati colpiti coprire la bocca quando si tossisce o il naso quando si starnutisce, per evitare di contagiare altre persone. Il riposo, in caso di febbre o altro, è d’obbligo.