26 aprile 2017
Aggiornato 15:30
Gravidanza

Nausea in gravidanza

Perché viene la nausea in gravidanza? Le ricerche che ipotizzano le motivazioni, le cause e le conseguenze

Nausea in gravidanza (© Kaspars Grinvalds | Shutterstock)

Quando si guarda un film si capisce molto facilmente che una donna aspetta un bambino: è il momento in cui inizia la nausea. Ma è così anche nella vita reale? Non sempre ovviamente. La tipica nausea da gravidanza colpisce indicativamente il 50% delle donne in dolce attesa. Ecco perché accade e quando inizia.

Come si presenta la nausea in gravidanza
Generalmente tutto inizia con un’abbondante salivazione che si manifesta soprattutto nelle prime ore del mattino o a digiuno. Molte donne hanno solo nausea passeggera per alcune ore, mentre altre hanno veri e propri conati di vomito che possono presentarsi in qualsiasi momento della giornata. In entrambi i casi, tuttavia, possono esserci dei peggioramenti a digiuno.

  • Quando inizia la nausea?
    In linea di massima i sintomi compaiono entro le otto settimane di gestazione e continuano fino alla sedicesima settimana. Raramente si può arrivare alla ventesima.

Nausea in gravidanza: le cause
Va da sé che alla base della nausea gravidica ci sono alcuni sconvolgimenti ormonali tipici della gestazione. Quello maggiormente implicato sembra essere la gonadotropina corionica umana o HCG. Lo stesso ormone che si prende in considerazione per verificare se la gravidanza è realmente iniziata. Questa particolare glicoproteina raggiunge l’apice intorno al terzo mese, momento in cui si stabilizza fino al giorno del parto, in cui scomparirà totalmente.

Quando è colpa del progesterone
Un altro ormone sotto accusa è il progesterone, la cui alterazione potrebbe aumentare il rischio di reflusso gastrointestinale e stitichezza. Va anche detto, però, che i livelli di progesterone, a differenza della gonadotropina, non subiscono grandi cambiamenti durante il corso della gravidanza – per cui appare quanto mai curioso il fatto che la nausea spesso sparisca dopo i primi tre mesi.

  • Quante donne sperimentano la nausea?
    Secondo uno studio pubblicato su JAMA (il Journal of American Medical Association) le donne che soffrono di nausea e vomito in gravidanza sarebbero tra il 50% e l’80%.

Altre ipotesi
Uno studio ha evidenziato che le donne con gravidanze multiple, molari (mancato sviluppo del bambino) o in attesa di figli con Sindrome di Down presentano condizioni di nausea decisamente più elevate.

Nessun motivo certo
Tuttavia è bene specificare che la scienza non ha ancora trovato alcuna relazione certa tra ormoni e nausea. Si tratta soltanto di ipotesi, anche perché ci sono donne che hanno la stessa alterazione ormonale e nessun sintomo gastrico. Inoltre, la gravidanza apporta talmente tante modificazioni al corpo di una donna che relegare tutto a due ormoni è decisamente riduttivo.

Non sempre è una condizione negativa
Perché alcune donne sì e altre no? È sicuramente la domanda che si pongono tutte le donne che sperimentano una forte nausea mattutina. Il risvolto positivo della medaglia è che, secondo alcuni ricercatori del US National Institute of Child Health and Human Development (NICHD), la nausea avrebbe un effetto protettivo nei confronti del bambino. In particolare, a detta degli scienziati, nausea e vomito proteggerebbero da un eventuale aborto.

Perché si evita l’aborto?
Secondo i ricercatori del NICHD che hanno esaminato circa 800 donne in gravidanza, la nausea mattutina ridurrebbe il rischio di aborto fino al 75%. Il motivo è che la futura mamma mangia meno esponendo il feto in maniera inferiore al rischio tossine. Ma non solo: minor cibo significa anche ridotti livelli di insulina circolante e una migliore crescita della placenta.

Quello della nausea è un vero mistero
Secondo gli scienziati la donna umana è l’unica a soffrire di nausea. E questo è un vero e proprio mistero. Se davvero fosse un meccanismo naturale per proteggere il feto perché i mammiferi non ne sono dotati? E, soprattutto, perché alcune mamme sì e altre no? A queste domande la scienza non ha ancora saputo offrire una risposta.

Infine, una buona notizia: il bambino è più intelligente
In merito ai risultati di un’indagine condotta dai ricercatori del Sick Children di Toronto (Canada) e pubblicata sul The Journal of Pediatrics, i figli di donne che hanno sofferto di nausea in gravidanza sono potenzialmente più intelligenti degli altri. Il tutto sarebbe proporzionalmente collegato con la severità del disturbo. Più è forte la nausea più i figli saranno dotati di grande quoziente intellettivo. Il motivo sarebbe spiegato dagli alti livelli di gonadotropina e tirosina che proteggerebbero il cervello fetale da eventuali danni – compresi quelli dei farmaci antinausea. Sarà vero?

[1] Gastroenterol Clin North Am. Author manuscript; available in PMC 2013 Jun 9. Published in final edited form as: Gastroenterol Clin North Am. 2011 Jun; 40(2): 309–vii. doi: 10.1016/j.gtc.2011.03.009 PMCID: PMC3676933 NIHMSID: NIHMS458269 Nausea and Vomiting of Pregnancy Noel M. Lee, M.D., Gastroenterology Fellow and Sumona Saha, M.D., Assistant Professor of Medicine

[2] 34. Schoeneck FJ. Gonadotropin hormone concentrations in hyperemesis gravidarum. Am J Obstet Gynecol. 1943;43:308.

[3] Int J Womens Health. 2010; 2: 241–248. Published online 2010 Aug 4. PMCID: PMC2990891 Optimal management of nausea and vomiting of pregnancy Neda Ebrahimi,1,2 Caroline Maltepe,2 and Adrienne Einarson2