23 aprile 2017
Aggiornato 13:30
Domande e risposte

Accavallare le gambe fa male?

L’abitudine di accavallare le gambe, a lungo andare, può portare a condizioni tutt’altro che salutari. Ecco alcuni piccoli stratagemmi per evitare di assumere questa dannosa postura

Accavallare le gambe fa male? (© FabioDeVilla | Shutterstock)

È il simbolo sella sensualità firmato donna, ma accavallare le gambe fa tutt’altro che bene alla salute. Ecco cosa accade al tuo corpo mentre lo fai.

Perché si accavallano le gambe?
La prima domanda che dovremmo porci è: perché viene così spontaneo accavallare le gambe? In realtà i motivi possono essere diversi. A una donna, per esempio, può venire spontaneo farlo quando indossa una gonna corta. È chiaro che in tal caso, stare con le gambe aperte potrebbe non essere una buona idea. D’altro canto è un gesto naturale anche per molti uomini – che, in teoria, non usano le gonne. Se si pone attenzione, si usa accavallare le gambe perché ci si sente molto più comodi. In realtà questa posizione dà la sensazione di sovraccaricare meno la zona lombare e quindi di star meglio. Ma a lungo andare la torsione che si genera a livello muscolare può includere tutto il tratto spinale, compreso quello cervicale.

  • Cosa accade al tuo corpo quando incroci le gambe
  • Aumenta la pressione sanguigna a causa di un impedimento al corretto flusso sanguigno e un conseguente accrescimento del pompaggio di sangue a livello cardiaco.
  • Aumenta il rischio di contrarre rigidità alla colonna vertebrale.
  • A lungo andare si avertono dolori al tratto cervicale, dorsale e lombare.
  • Aumento del rischio della formazione di coaguli sanguigni.
  • Accorciamento dei muscoli interni della coscia.
  • Con il tempo si possono verificare problemi al pavimento pelvico.

C’è chi è d’accordo e chi no
Per amore d’informazione è importante sottolineare che non tutti gli scienziati sono d’accordo sugli eventuali danni causati da un accavallamento delle gambe. Per esempio l’innalzamento della pressione arteriosa sarebbe per alcuni solo transitoria, mentre il rischio vene varicose non sussisterebbe. Quello che è certo è che tenere per molto tempo le gambe accavallate non è proprio una botta di salute per la nostra circolazione e per le nostre articolazioni.

Come fare per evitare di accavallare le gambe
Una volta che si è consapevoli del motivo per cui si sente il bisogno di accavallarle, si possono adottare diverse strategie. La migliore è quella di imparare a stare seduti correttamente e quindi di non sentire più il bisogno di farlo. In realtà quando ci sediamo – specie se si tratta di un divano – tendiamo a posizionare i glutei in maniera molto anteriorizzata (in avanti). Se impariamo a fare l’opposto, quindi a distanziarli il più possibile verso la parte posteriore della schiena, la colonna vertebrale come per magia tenderà a raddrizzarsi e quindi l’intera seduta diviene più comoda per noi. Senza avvertire il bisogno di accavallare le gambe.

Stare sempre fermi fa male
Non è solo l’atto di accavallare le gambe a far male. Come ben sappiamo la sedentarietà è molto deleteria per la nostra salute. Oltre ai problemi che ben conosciamo dovuti alla mancanza di movimento, secondo alcuni scienziati rimanere seduti nella stessa posizione per diverse ore può portare a una condizione poco piacevole: la paralisi del nervo peroneo.