27 maggio 2017
Aggiornato 00:30
Sicurezza farmaci

Vendevano abusivamente farmaci con obbligo di ricetta, oscurato sito web

Un sito Internet che vendeva liberamente farmaci con obbligo di ricetta in Italia è stato chiuso dai Carabinieri su ordine del Ministero della Salute

Farmaci venduti abusivamente su un sito web (© The Len | shutterstock.com)

ROMA – Il Ministero della Salute ha dato mandato al Comando dei Carabinieri per la tutela della salute di oscurare un sito web che vendeva abusivamente farmaci che in Italia necessitano della ricetta medica.

Il provvedimento
A dare notizia della chiusura del sito web è lo stesso Ministero della Salute che in un comunicato riporta come «quale autorità competente a emanare disposizioni per impedire l’accesso agli indirizzi Internet che vendono illegalmente farmaci, ha adottato un provvedimento d’urgenza che inibisce (rectius: oscura) l’accesso da parte degli utenti sul territorio italiano al sito Internet http://organic-market.de, con dominio tedesco, che consentiva la vendita on line di medicinali che in Italia possono essere dispensati solo dietro prescrizione medica».

I farmaci venduti abusivamente
Tra i farmaci che venivano venduti in modo abusivo sul sito vi erano Levitra, Viagra, Zoloft, Zyrtec e altri ancora. Il tutto «in violazione della norma nazionale che vieta la vendita a distanza di farmaci etici (articolo 112-quater del decreto legislativo 24 aprile 2006 n. 219)».

Non autorizzato
Il sito che vendeva farmaci, non solo contravveniva alle norme italiane, ma non era neanche «autorizzato dall’autorità competente tedesca e classificato dal sistema LegitScript, servizio di verifica e monitoraggio delle farmacie online, come ‘Rogue Internet Pharmacy’, cioè farmacia online che vende medicinali in violazione delle leggi dei Paesi in cui i farmaci sono offerti. Con questa misura – prosegue il comunicato – si è evitato il pericolo che un numero potenzialmente crescente di pazienti/consumatori italiani potesse essere indotto ad acquistare online e ad assumere farmaci etici senza alcun preventivo controllo o prescrizione del medico, esponendoli a gravi rischi per la salute».