27 maggio 2017
Aggiornato 00:30
Mamme e papà

Il bambino ha battuto la testa? I sintomi che fanno pensare a una commozione cerebrale

Una caduta dalla bici, una pallonata in testa o una semplice scivolata sul pavimento: è facile che il piccolo sia vittima di una commozione cerebrale o un trauma cranico. Ecco come riconoscerli

Commozione cerebrale nei bambini: i sintomi (© BestPhotoStudio | Shutterstock)

Quando si hanno bambini piccoli si sa: in un attimo possono farsi male in maniera del tutto inaspettata. Quando si tratta di lesioni alla testa, però, è sempre bene verificare che non si tratti di una problematica seria come un trauma cranico o di una commozione cerebrale. Ecco come riconoscere questa condizione dai sintomi che accusa il piccolo e intervenire di conseguenza.

Cos’è una commozione cerebrale?
Si tratta di un trauma cranico che porta – generalmente – a una lieve e transitoria lesione cerebrale. A seconda dell’entità della caduta o del colpo si può risolvere dopo alcune ore o dopo alcuni giorni. È quasi sempre accompagnata da una piccola perdita della funzione cerebrale che si evidenzia attraverso sintomi fisici, emozionali, mentali o cognitivi.

I sintomi fisi che può manifestare il bambino
Il più comune è il mal di testa, spesso localizzato nella sede del trauma e nelle sedi limitrofe. Altro sintomo piuttosto comune è l’avvertire acufeni o ronzii alle orecchie. Il piccolo può essere infastidito da rumori forti o dalla presenza della luce. Se il trauma è stato relativamente forte il bambino potrebbe accusare nausea e vomito o visione doppio e offuscata.

Sintomi che necessitano di approfondimento
Se il bambino ha un senso di instabilità, vertigini, perdita di equilibrio, mancanza di coordinamento e letargia potrebbe essere necessario portarlo al pronto soccorso più vicino per approfondimenti diagnostici.

Disturbi cognitivi
A seguito del trauma il piccolo potrebbe avvertire un’amnesia temporanea riferita agli eventi che si sono verificati prima o dopo la commozione cerebrale. Se si tratta di una perdita di memoria abbastanza marcata è importante chiedere consiglio al personale medico. Più comunemente si potrebbe assistere a una diminuzione dei riflessi e una difficoltà di concentrazione.

Sintomi emotivi e mentale
Una commozione cerebrale potrebbe anche causare nervosismo, irritabilità, ipereccitazione, depressione, eccessi di ira o risate.

Quando è necessario un intervento urgente
Se in seguito all’infortunio il piccolo rimane incosciente è necessario intervenire immediatamente e portarlo al pronto soccorso anche se si è ripreso. La stessa cosa dicasi se manifesta crisi epilettiche, convulsioni, sanguinamento dalle orecchie, fuoriuscita di liquido anomalo da naso e orecchie, difficoltà a muovere muscoli in un lato ben preciso del corpo e impedimento nell’articolare le parole. In tal caso il personale medico avrà cura di effettuare una tomografia computerizzata che confermi o escluda un’eventuale lesione cerebrale.