28 maggio 2017
Aggiornato 20:00
Le risposte della sessuologa Monica Cappello

Sapevi che il pene si può rompere durante un atto sessuale?

Tutto ciò che c’è da sapere sulla frattura del pene: perché accade, come intervenire e le eventuali conseguenze.

Non è una barzelletta o uno scherzo, purtroppo è realtà. Il pene si può rompere davvero, se durante il rapporto sessuale qualcosa non va come dovrebbe. Il problema, grazie al cielo, non è così diffuso ma è bene conoscerlo a fondo per evitare problemi. Ecco tutto ciò che c’è da sapere sulla frattura del pene o peniena, un trauma del pene che alcuni chiamano anche «sindrome del chiodo rotto».

Come si rompe un pene?
Si tratta di una cosa che spaventa molti uomini – spiega la dottoressa Monica Cappello, sessuologa di Torino – tuttavia, la rottura peniena è un caso molto raro che si verifica quando il pene è in erezione, per esempio durante un rapporto sessuale. Se in quel momento il pene prende un colpo, può succedere che si «rompa». Il problema si verifica, più raramente, anche in posizioni un po’ particolari che portano alla rottura dei corpi cavernosi: più precisamente, si tratta della rottura della tonaca albuginea dei corpi cavernosi.

  • Approfondimento: a quanti uomini è accaduto?
    Secondo quanto riportato dalla letteratura scientifica americana, la frattura di pene è stata diagnosticata su un uomo ogni 175mila abitanti degli Stati Uniti d’America. L’uso di sostanze dopanti può aumentare l’incidenza.

La rottura del pene causa un dolore molto forte
La frattura peniena è molto dolorosa che porta a una detumescenza, e in quel momento il pene perde immediatamente l’erezione. Nell’immediato può svilupparsi un ematoma che va curato tempestivamente.

Le cure per la frattura peniena
In caso di rottura del pene è importante recarsi immediatamente al Pronto Soccorso. È bene sapere, però, che esiste solo una cura per questo genere di frattura: l’intervento chirurgico. Attraverso questo intervento vengono risistemati i corpi cavernosi senza di solito avere conseguenze future – continua la dottoressa Cappello. In futuro non dovrebbero esserci problematiche né per l’erezione né per l’eiaculazione.  Attenzione pertanto: la rottura del pene è un caso molto raro, ma possibile. È importanti, quindi, evitare rapporti sessuali un po’ troppo violenti.

[1] Gedik A, Kayan D, Yamiş S, Yılmaz Y, Bircan K, The diagnosis and treatment of penile fracture: our 19-year experience, in Ulus Travma Acil Cerrahi Derg.