28 maggio 2017
Aggiornato 20:00
Video notizie di salute

Uova: riducono il rischio di ictus, diabete e cancro al seno

Sempre più ricerche lo confermano: mangiare uova riduce il rischio cardiovascolare, malattie metaboliche e persino cancro al seno

Un uovo al giorno? Toglie l’ictus di torno. È questa la conclusione di alcuni ricercatori americani. L’uovo, infatti, pare essere associato a una riduzione del 12 percento di assistere a uno degli eventi cardiovascolari più drammatici.

  • Leggi anche: Un uovo al giorno toglie l’ictus di torno
    Una ricerca mostra che mangiare un uovo ogni giorno può ridurre del 12 percento il rischio di ictus. I benefici pare siano da attribuire alle sostanze antiossidanti, alle proteine e alle vitamine in esso contenute.

Merito degli antiossidanti
Secondo i ricercatori il merito sarebbe degli antiossidanti contenuti nelle uova che riducono stress ossidativo e infiammazione. Ma anche le sue preziose proteine sembrano essere correlate alla riduzione della pressione sanguigna.

Migliora la longevità?
E questa non è l’unica bella notizia in fatto di uova: secondo recenti ricerche, infatti, consumare quattro uova a settimana ridurrebbe anche il rischio di diabete di tipo 2. Forse non a caso, una delle donne più longeve al mondo ha asserito di mangiare ben due uova crude e uno cotto ogni giorno, fin da quando era bambina.

  • Leggi anche: Le allergie ti tormentano? Prova le uova di coturnice
    Le uova di coturnice hanno dimostrato di eliminare quasi totalmente gli effetti della rinite allergica. Nonostante i numeri siano stati positivi e gli effetti collaterali minimi, numerose ricerche sono ancora necessarie. Ma i prodotti sono già disponibili in commercio.

Insomma, dopo le smentite che l’uovo fa male al fegato, che è dannoso per cuore e arterie, non ci resta altro che ricordarvi che uno studio condotto nel 2003 ha mostrato come il consumo di uova nelle donne, fin dai primi anni di vita, riduce il rischio di cancro al seno. Attenzione, però, alla scelta delle uova: sono migliori quelle di allevamento a terra e biologiche.