23 maggio 2017
Aggiornato 20:30
Sessualità e adolescenza

Contraccettivi: i migliori per gli adolescenti

La sessuologa Monica Cappello spiega a Diario Salute TV quali sono i migliori contraccettivi per gli adolescenti

Quali sono i contraccettivi più utili, comodi e migliori per gli adolescenti? Innanzitutto il preservativo è ancora uno dei più utilizzati e consigliati. Questo perché, oltre al discorso di gravidanza indesiderata, effettivamente è l’unico che protegge dalle malattie sessualmente trasmissibili, spiega la dottoressa Monica Cappello psicologa e sessuologa a Torino.

Pericolo malattie sessualmente trasmissibili
«Non dimentichiamoci che come malattia sessualmente trasmessa non esiste solo l’HIV (che spesso causa l’AIDS) che effettivamente è la più grave e pericolosa, ma ne esistono tante altre. Tra queste la gonorrea, il Trichomonas vaginalis e la Gardnerella. Tutte malattie che si possono prevenire con l’ausilio di un semplice preservativo», continua la dottoressa Cappello

Il preservativo femminile
«Un altro metodo contraccettivo è il preservativo femminile (o Femidom) che è una guaina in poliuretano che viene introdotta dalla ragazza direttamente in vagina. A differenza del preservativo maschile che, ovviamente, deve essere immediatamente tolto – pena la fuoriuscita del liquido alla perdita dell’erezione – questo può essere lasciato in vagina anche a termine rapporto».

L’anello vaginale
«Oltre alla classica pillola estroprogestinica che tutte sicuramente conoscono – che ha la pecca di dover essere assunta tutti i giorni e nello stesso orario – esiste anche l’anello vaginale. Esso contiene gli stessi principi attivi della pillola ma, a differenza di quest’ultima, viene introdotto in vagina dalla ragazza. Deve essere cambiato una volta al mese e può quindi essere considerata un’alternativa utile proprio per le giovanissime e le adolescenti. Senza il rischio di dimenticanze che potrebbero costare una gravidanza indesiderata», conclude la dottoressa Cappello.